torna alla home di dorislomoro.it

www.dorislomoro.it

Lo Moro: in Calabria le Istituzioni non hanno il controllo del territorio

La brillante operazione messa a segno dai Carabinieri della Compagnia di Vibo Valentia disvela in modo impietoso il sistema di illegalità che la fa da padrone in Calabria.
Un lungo convoglio di mezzi appartenenti ad una ditta lametina più volte oggetto di indagini antimafia, carichi di inerti estratti illegalmente a Lamezia Terme da una cava sotto sequestro, diretti sul cantiere allestito per la realizzazione delle protezioni contro l’erosione costiera nel Comune di Briatico, in cui stavano lavorando due imprese, prive di certificazione, che avevano ottenuto in maniera irregolare il subappalto, questa la situazione accertata che ha portato al sequestro di mezzi pesanti, materiale e cantiere finanziato con denaro pubblico che, secondo il piano criminale sventato dai Carabinieri, sarebbe finito in mani sbagliate.
Nel congratularsi con i Carabinieri della Compagnia di Vibo Valentia per la brillante operazione, non può non considerarsi che la sfrontatezza con cui alcune aziende infrangono la legge sotto gli occhi di tutti dimostra che nelle nostre zone le Istituzioni non hanno il controllo del territorio.
Bisogna invertire la marcia e non delegare tutto alle Forze dell’Ordine che intervengono per lo più in fase repressiva. Senza il controllo capillare e preventivo del territorio in Calabria non basta neanche la Stazione unica appaltante che è in sé una grande cosa! Né si può invocare in queste circostanze la solidarietà di un Nord che non può capire questo stato di cose e al tempo stesso lo conosce quanto noi, considerato che provengono da industrie del Nord la gran parte dei rifiuti speciali di provenienza industriale di cui è seminata la Calabria!

Doris Lo Moro – parlamentare PD