torna alla home di dorislomoro.it

www.dorislomoro.it

COMUNALI:CATANZARO;DEPUTATI,RIPETERE VOTO SEZIONI CONTESTATE

CATANZARO, 9 MAG – I deputati calabresi Doris Lo Moro, Rosa Villecco Calipari, Maria Grazia Lagana’ Fortugno, Franco Laratta, Marco Minniti, Cesare Marini, Angela Napoli, Nicodemo Oliverio e Mario Tassone hanno presentato un’interrogazione al ministro dell’Interno sulle elezioni amministrative di Catanzaro chiedendo la ripetizione del voto nei seggi contestati.

‘A quasi 48 ore dall’inizio dello spoglio – affermano i parlamentari – non si sono ancora concluse le operazioni elettorali e durante lo spoglio, sono state segnalate numerose anomali e vere e proprie irregolarita’. Risulta essere stato presentato un esposto presso l’Ufficio Elettorale Centrale che rileva palesi irregolarita’ nel voto riguardanti due intere sezioni elettorali: in particolare si rileva che nella sezione 85 la presidenza della sezione ha accertato la presenza di un numero di schede votate superiore al numero dei votanti, cosi’ come risulta dai verbali redatti dallo stesso ufficio elettorale. Sul punto va sottolineato che con sentenza TAR Calabria n. 867/2011, confermata dal Consiglio di Stato, e’ stata annullata la votazione per la stessa irregolarita’ riscontrata in una sezione elettorale di un altro comune calabrese (Palermiti), in cui e’ stato disposto il rinnovo del voto. Nella sezione numero 53 un’elettrice, precisamente identificata, risulterebbe avere votato due volte mentre nella sezione numero 84 risultano mancanti alcune schede rispetto al numero degli elettori. Divergenza che, se confermate, renderebbe nullo l’intero procedimento elettorale;

Nell’interrogazione rilevando che ‘le anomalie e irregolarita’ segnalate incidono direttamente sull’esito del voto’ e che ‘le operazioni di voto e di spoglio si sono svolte in un clima difficile, caratterizzato in alcuni casi da vere e proprie intimidazioni’, i parlamentari chiedono al ministro ’se non intende valutare che non si proceda alla proclamazione del risultato predisponendo la ripetizione del voto nei seggi contestati’.

(ANSA)