torna alla home di dorislomoro.it

www.dorislomoro.it

CAMERA: LO MORO (PD) RICORDA IN AULA L’ON. GRAZIA RIGA

Roma, 15 mag – ” Signor Presidente, colleghi, prendo la parola per ricordare brevemente Graziella Riga, mia concittadina, deputato della Repubblica nella VI e nella VII legislatura, scomparsa ieri a settanta anni. So che ieri il Presidente ha dato comunicazione in Aula della sua morte.
Sento però il dovere di ricordarla anche oggi, mentre a Lamezia Terme, città in cui lei risiedeva fin da ragazza, provenendo dalla vicina Cortale, cui è rimasta sempre molto legata, è in corso la camera ardente. Dicevo che a Lamezia è in corso la camera ardente, allestita nella sala consiliare del comune.
Graziella Riga è stata un’ottima professoressa, un riferimento per giovani di tante generazioni, colta, disponibile e generosa sempre. È stata eletta deputato giovanissima. È stata consigliere comunale, consigliere provinciale e presidente della commissione comunale per le pari opportunità.
È stata una donna di sinistra: negli anni ha aderito al PCI, al PDS, ai DS e ultimamente a Sinistra ecologia e libertà. È stata molto legata ai suoi ideali politici, con un forte senso dell’appartenenza, con la capacità di rimanere amica di tutti, anche nei momenti più difficili e di maggiore tensione.
È stata anche una bellissima donna, bella, raffinata ed intelligente. La sua era una bellezza aristocratica, naturalmente elegante, ma senza eccessi, con due occhi belli e sorridenti che comunicavano con immediatezza e puntualità i suoi sentimenti e le sue valutazioni.
La sua storia si è intrecciata con la storia della Calabria e, in particolare, delle donne calabresi, un bell’esempio per i valori che ha testimoniato e per il suo stile signorile nella sua vita politica e personale.
Per tanti di noi è stata un simbolo, oltre che un’amica, un riferimento e oggi è ancora di più una donna e un esempio di buona politica, di cui essere orgogliosi”.

L’on. Doris Lo Moro deputata del Pd ha ricordato così l’on. Graziella Riga scomparsa ieri.

(AGENPARL)